Si è chiusa la nostra seconda stagione di attività

Sentiamo come è andata dalle parole di Roberta e Sonia, le nostre allenatrici 

Con la disputa della finali dei tornei AICS, da circa due settimane si è chiusa la seconda stagione di AICS Volley Bologna, allo Sferisterio.

Sonia, istruttrice del gruppo Minivolley

“Per certi aspetti è stato un anno più faticoso del precedente, dovendo integrare i bambini nuovi con chi aveva già alle spalle una stagione di allenamenti. Le prime difficoltà sono state causate più dalla timidezza di alcuni bambini, cosa che ha un po’ complicato il lavoro nei primi allenamenti. Ciò nonostante siamo riusciti a portare avanti il gruppo dello scorso anno differenziando gli allenamenti e gli obiettivi rispetto ai nuovi arrivati, che hanno così potuto mettersi in pari senza aggiungere stress ai loro compiti.

Abbiamo raggiunto gli obiettivi che ci eravamo prefissati, riuscendo anche a partecipare a due concentramenti. In queste occasioni i bambini si sono molto impegnati e divertiti, conquistando anche il successo in molte partite.  Posso quindi concludere dicendo che anche in questa stagione abbiamo chiuso in serenità e divertimento l’anno sportivo.

Mi auguro che il prossimo anno tutti i bimbi continuino questo percorso insieme.”

Roberta, allenatrice dei gruppi Under 14 e Under 18

AICS Volley

“E’ stato un anno intenso, dove ci siamo presi delle soddisfazioni … qualche volta anche delle belle sconfitte, altre volte è stato necessario alzare la voce per tirare fuori lo spirito agonistico e ritrovare la giusta concentrazione. Come ogni anno si è visto ridere, piangere, litigare e far pace, abbracciarsi, sostenersi e – cosa più importante – crescere. Come donne e giocatrici.

E’ stato anche un anno che ci ha visto impegnate nei primi tornei ufficiali, ai quali non tutti (ragazze e genitori) erano abituati, con l’aggiunta di una maggiore organizzazione personale che consentisse alle squadre di poter essere competitive nelle partite e di non dover pagare le assenze, se non in poche occasioni. Su questo punto c’è ancora da lavorare!

Il prossimo appuntamento sarà per il Camp AICS di Monghidoro, tra allenamenti e giochi, lavoreremo tanto anche sulla tecnica… di rilassarci in piscina!!” 

In ultimo un sincero ringraziamento ad allenatrici, bambini, ragazze e genitori per questa stagione di consolidamento e crescita.

Minivolley: Bianca, Caterina, Diego, Iris, Maria Chiara, Martina, Nicole, Olimpia, Pietro, Valentina e Viola, così come a Arturo e Chanel che hanno usufruito delle prove gratuite del mese di maggio.

Under 14: Alice, Carlotta, Elizabeth, Giulia, Martina, Nicole, Tea, Teresa, Viola e Yasmine.

Under 18: Anna, Bianca, Fatima, Hind, Jessica, Linda, Micol Gaia, Rebecca, Romina e Shirin.

Tornei AICS, la prima settimana di gare

Hanno preso il via i tornei di pallavolo organizzati da AICS. Vediamo come è andata la prima settimana di gare.

Under 19

Alce Nero Monterenzio

La settimana di avvio dei tornei si apre con un rinvio dovuto alla nevicata di lunedì. La nostra formazione U18 recupererà la gara con Granarolo il prossimo 6 dicembre. Nella stessa giornata invece si disputa la gara tra la nostra U14, iscritta anche al torneo U19, e lo Spartacus che si impone agevolmente per 3 a 0. Nell’altro incontro Alce Nero Monterenzio vince con il medesimo punteggio tra le mure amiche contro la SPS Volley.

Nella seconda giornata SPS Volley si

AICS Volley Bologna

riprende immediatamente e, sempre per 3 a 0, sconfigge la nostra Under 18. Roberta analizza così la gara: “La prima partita di campionato è dura. Non manca lo spirito e la determinazione, ma le avversarie sono superiori, a partire dalla battuta che ci ha fatto soffrire per tutta la partita. Buono l’atteggiamento nei primi due set, un terzo invece da dimenticare! La partita va giocata fino in fondo ragazze!” Ieri, ancora per 3 a 0, Alce Nero Monterenzio sconfigge la nostra Under 14, impegnata per la quinta giornata di partite in pochi giorni.

La scelta di far giocare alle nostre ragazze U14 due tornei, anche quello U19, è in un’ottica di formazione. Non guardiamo al risultato in sé per sé, ma a ciò che si può imparare giocando contro ragazze più esperte.

Continua a leggere